Venezia - una città in contrazione ///

Una città in contrazione /// Comune di Venezia     
1970: 367.500 abitanti    
2006: 270.000 abitanti    
Perdita di abitanti: -26,5%   

Centro storico
1950: 174.800 abitanti
2006: 62.300 abitanti
Perdita di abitanti: -64,4%

Venezia, che attorno al 1700 era la terza città per dimensione
della penisola italiana, ha rivestito per secoli un ruolo internazionale sia dal punto di vista politico che economico. Nonostante la perdita della sua indipendenza conseguente all'occupazione austriaca e poi all'annessione allo stato italiano nel 1866, essa rimase fino a tutto il novecento la più grande città manifatturiera del NordItalia. Poiché la struttura del centro storico non era idonea ad accogliere l'industria moderna, si decise di collegare alcune aree sulla terra ferma attorno a Mestre. Con Porto Marghera nacque a partire dal 1918 un porto industriale posizionato in mezzo ad attività artigianali e insediamenti residenziali. Venezia mantenne invece la sua funzione amministrativa.

Fino alla fine della seconda guerra mondiale, la città lagunare divenne sempre più densa, nonostante il vecchio edificato cominciasse a cadere a pezzi e l'infrastruttura non fosse in grado di rispondere al crescente sovraccarico. A partire dal 1951, diecimila abitanti e imprese abbandonarono la città, poiché costava troppo mantenere gli edifici. Dal 1970 la speculazione immobiliare cominciò ad esercitare pressioni su ulteriori gruppi di abitanti. La proporzione tra il numero di abitanti di Venezia e quelli sulla terra ferma si capovolse. Venezia invecchia velocemente e diventa sempre più internazionale: oggi solo la metà circa die 62.300 abitanti del centro storico è veneziana. Di giorno il numero dei fruitori si raddoppia grazie a pendolari e visitatori. Venezia è una città messa in scena, uno spettacolo unico per 12 milioni di turisti che ogni anno si muovono tra i suoi vicoli.

Il fragile sistema ecologico della laguna é stato sensibilmente distrutto dagli interventi industriali e infrastrutturali del XX secolo, che hanno provocato frequenti inondazioni, inquinamento e innalzamento della concentrazione di sale, fenomeni che nuocciono pure alla sostanza dell'edificato.




 // Druckansicht //  //

Start ¬Tema ¬Progetto ¬Pubblicazioni ¬Partecipazione alla Biennale di Venezia ¬Venezia - una città in contrazione ¬Contatto           • Kontakt • Impressum • Sitemap • Suche