Partecipazione alla Biennale di Venezia ///

Città in contrazione presso la 10° Mostra Internazionale di Architettura, Biennale di Venezia /// 


Richard Burdett, Professore presso la London School of Economics e curatore dell'attuale 10° Mostra Internazionale di Architettura ha invitato il progetto Città in contrazione/ Shrinking Cities a presentare i suoi risultati quale unico gruppo tedesco di ricerca accanto ad altri dodici rinomati gruppi internazionali, tra i quali ETH Zürich Studio Basel, Berlage Institute Rotterdam, AMO/OMA-Rem Koolhaas, SENSEable City Laboratory, Massachusetts Institute of Technology (MIT), Multipilicity/Stefano Boeri e l'Università IUAV di Venezia.

Il tema della 10° Mostra Internazionale di Architettura di quest'anno è "Città. Architettura e società". In questo ambito viene presentata principalmente la crescita smisurata delle megalopoli dell'emisfero meridionale e orientale, da Città del Messico a Shanghai. Il contributo di Città in contrazione/Shrinking Cities rappresenta qui un forte contrasto.

Una foto a 360 gradi di circa 45 m di lunghezza e 4 m di altezza del fotografo Christoph Petras offre al visitatore l'impressione di trovarsi in uno dei tanti quartieri in abbandono della Germania orientale. Un planisfero delle città in contrazione presenta la situazione di oltre 350 metropoli in tutto il mondo che negli ultimi 50 anni hanno subito, perlomeno temporaneamente, una significativa perdita di popolazione.

Un montaggio di brevi scene tratte da diversi film mostra un'elaborazione di temi spesso omessi nella storia culturale del cinema. Un giornale (tiratura: 2000 esemplari) offre informazioni approfondite e delinea proposte di intervento.

Download: Cities. Architecture and Society. Catalogue of the 10th International Architecture/ Venice Binnale. Venezia 2006, page 316-323.


Contributi espositivi dello spazio "Città in contrazione" /// 




SENZA TITOLO, 2006
Carta da parati e installazione di stadtimbild/Christoph Petras, con installazione sonora di Olaf Augele e testi estratti da Tre cittá (Three Cities), un progetto di Sybil Kohl, Philipp Oswalt, Albrecht Schäfer.
Una foto a 360 gradi di circa 45 m di lunghezza e 4 m di altezza del fotografo Christoph Petras dà al visitatore l'impressione di trovarsi nel quartiere residenziale prefabbricato, in parte abbandonato, di Wolfen-Nord (Germania).
Ad uno sguardo più attento il visitatore scopre sul pannello fotografico citazioni tratte da interviste realizzate con gli abitanti che vivono, o hanno vissuto, in quartieri parzialmente abbandonati e raccontano le loro esperienze personali.


WEGE (PERCORSI), 2004
Video, 6 minuti, di Antje Ehmann
In che modo vengono presentati declino e decrescita urbana nelle immagini di un film, e che funzione hanno? Quali temi ricorrenti vengono trattati nei film e come influenzano la nostra percezione? L'autore del video, nell'ambito di una ricerca filmografica, colleziona sequenze di vario genere legate a sette parole chiave, ciascuna associata a differenti aspetti della decrescita delle città. Alla Biennale viene presentato uno dei sette temi.

MAPPAMONDO DELLE CITTÀ IN CONTRAZIONE, 2006
dello Studio di ricerca Philipp Oswalt (ricercatore: Tim Rieniets)
Una mappatura di oltre 350 città nel mondo con una popolazione di oltre 100.000 abitanti, che hanno perso, perlomeno in maniera temporanea, più del 10% della loro popolazione negli anni tra il 1950 e il 2000.

GIORNALE DELL'ESPOSIZIONE, 2006
dello Studio di ricerca Philipp Oswalt
Un giornale a disposizione dei visitatori introduce i temi della contrazione urbana quale fenomeno globale, presenta quattro casi internazionali di studio e delinea proposte di intervento.

MOVING DATA, 2003/4
Animazione computerizzata, 3 minuti, dello Studio di ricerca Philipp Oswalt (Direttore del progetto: Anke Hagemann; Grafica: 1kilo)
La città non è permanente e stabile, ma un sistema dinamico di crescita, declino e cambiamenti continui. Moving Data è un'animazione che presenta dati di carattere spaziale nella loro evoluzione temporale, ad esempio lo sviluppo della densità di una popolazione o i cambiamenti della struttura urbana avvenuti negli ultimi 50 anni.

URBAN SCAN, 2003/4
Video, 13 minuti, di Albrecht Schäfer
Al fine di trasmettere un'impressione diretta dei diversi spazi urbani in contrazione, alcune tipiche situazioni urbane sono state riprese da un'automobile che viaggia a bassa velocità per le strade di Detroit (USA), Ivanovo (RUS), Halle/Lipsia (D) e Manchester/Liverpool (GB), ovvero di quelle quattro città che sono state i casi studio, a lungo e intensamente esaminati negli scorsi quattro anni dal progetto Città in contrazione.

Il materiale espositivo Città in contrazione per la 10° Mostra internazionale di Architettura presso la Biennale di Venezia, è stato realizzato dallo studio di progettazione Philipp Oswalt: Philipp Oswalt (curatore). Assistenti per la ricerca: Elke Beyer, Anke Hagemann, Anita Kaspar, Tim Rieniets, Füsun Türetken con l'assistenza di Gabi Eisenreich e Giovanni Piovene. Coordinazione: Anita Kaspar, Nicole Minten-Jung. Organizzazione: Florian Bolenius, Peter Boragno, Nicole Minten-Jung. Progetto grafico: Tanja Wesse. Realizzazione dell'installazione: atelier 35/Jacob von Dohnanyi.




 // Druckansicht //  //

Start ¬Tema ¬Progetto ¬Pubblicazioni ¬Partecipazione alla Biennale di Venezia ¬Venezia - una città in contrazione ¬Contatto           • Kontakt • Impressum • Sitemap • Suche